Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/345


atto primo 339

SCENA VIII

Timagene e detti.

Timagene.  Le greche schiere,
signor, vieni a sedar. Chiede ciascuno
di Cleofide il sangue: ognun la crede
rea dell’insidia.
Poro.  Ella è innocente: ignota
le fu la trama. Il primo autor son io:
tutto l’onor del gran disegno è mio.
Cleofide. (Aimè!)
Alessandro.  Barbaro, e credi
pregio l’infedeltá?
Cleofide.  Signor, s’io mai...
Alessandro. Abbastanza palese
per l’insulto d’Asbite
è l’innocenza tua. Per me, regina,
sará nota alle schiere. Io passo al campo:
intanto, o Timagene,
tu di congiunte navi
altro ponte rinnova; occupa i siti
della cittá piú forti. Entro la reggia
sia da qualunque insulto
Cleofide difesa; e questo altero
custodito rimanga e prigioniero. (parte)

SCENA IX

Cleofide, Poro e Timagene con guardie.

Timagene. Macedoni, alla reggia
Cleofide si scorga; e intanto Asbite
meco rimanga.