Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/31


atto primo 25


delle vendette mie ministre il cielo;
e, tardi allor pentito
d’aver creduto all’elemento insano,
richiamerai la tua Didone invano.
Enea. Se mi vedessi il core...
Didone. Lasciami, traditore!
Enea. Almen dal labbro mio
con volto meno irato
prendi l’ultimo addio.
Didone.  Lasciami, ingrato!
Enea. E pur, con tanto sdegno,
non hai ragion di condannarmi.
Didone.  Indegno!
               Non ha ragione, ingrato!
          un core abbandonato
          da chi giurògli fé?
               Anime innamorate,
          se lo provaste mai,
          ditelo voi per me.
               Perfido! tu lo sai
          se in premio un tradimento
          io meritai da te.
               E qual sará tormento,
          anime innamorate,
          se questo mio non è? (parte)

SCENA XVIII

Enea solo.

E soffrirò che sia
si barbara mercede
premio della tua fede, anima mia!
Tanto amor, tanti doni...
Ah! pria ch’io t’abbandoni,