Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/307


atto terzo 301


della sua crudeltá, gloria non cura:
pur la tua vita, Onoria, è mal sicura.
Onoria. Ah, inumano! E potesti...
Valentiniano.  Onoria, oh Dio!
non insultarmi: io lo conosco, errai;
ma di pietá son degno
piú che d’accuse. Il mio timor consiglia.
Son questi i miei piú cari: in qual di loro
cercherò il traditor, s’io non gli offesi?
Onoria. Chi mai non offendesti? Il tuo pensiero
il passato raccolga, e non si scordi
di Massimo la sposa, i folli amori,
l’insidiata onestá.
Massimo.  (Come salvarmi?)
Valentiniano.  E dovrò figurarmi
che i benefici miei meno ei rammenti
che un giovanil trasporto?
Onoria.  E ancor non sai
che l’offensore obblia,
ma non l’offeso, i ricevuti oltraggi?
Fulvia. (Ecco il padre in periglio.)
Valentiniano.  Ah! che pur troppo
tu dici il ver; ma che farò?
Onoria.  Consigli
or pretendi da me? Se fosti solo
a fabbricarti il danno,
solo al riparo tuo pensa, o tiranno. (parte)

SCENA X

Valentiniano, Massimo e Fulvia.

Massimo. Cesare, alla mia fede
troppo ingrato sei tu, se ne sospetti.
Valentiniano.  Ah! che d’Onoria ai detti
dal mio sonno io mi desto: