Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/144

138 ii - siroe


ma penso poi che del mio bene è padre.
Amo Siroe, e mi pento
d’esser io la cagion del suo periglio;
ma penso poi che del tiranno è figlio.
Cosi sempre il mio core
è infelice nell’odio e nell’amore.
          Non vi piacque, ingiusti dèi,
     che io nascessi pastorella:
     altra pena or non avrei
     che la cura d’un’agnella,
     che l’affetto d’un pastor.
          Ma chi nasce in regia cuna,
     piú nemica ha la fortuna;
     ché nel trono ascosi stanno
     e l’inganno ed il timor.