Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/348

336 parte settima

II


IL LETTO

Per le nozze di Francesco Gonzaga, principe di Mantova,

e di Margherita infanta di Savoia.

(1608)


     Varcata il mezzo avea
del suo negro sentiero,
e del nostro emispero
la Notte il sommo a posseder sorgea.
La faretrata dea
da la cima del cielo
con saette argentate il denso velo
fería de l’aria bruna,
sí che dubbio facea s’er’alba o luna.
     Quanti lumi cortesi,
signorili e ridenti,
ha nel suo tetto ardenti,
tanti n’avea l’eterno tempio accesi;
né d’alcun’ombra offesi
eran lor chiari rai;
né de l’ottavo giro aperse mai
piú sereni splendori
piú bella notte a piú felici amori.
     Taceano d’ogn’intorno
ne le festive scene
e le danze e le cene,
onde il Mincio e la Dora alzano il corno;
e nel real soggiorno
de’ ricchi alberghi altèri
giá sonnacchiosi avean paggi e scudieri
a ciascun lume spento
dato sepolcro in forbice d’argento.