Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/105


sonetti amorosi 93

XXXVI


IL PRIMO INCONTRO


     Ancor non sapev’io, bella mia Flora,
dal bosco ir solo a la cittá vicina,
quando in schiera leggiadra e pellegrina
uscir ti vidi a la campagna fòra.
     Era ne la stagion, quando l’aurora
col dí non ben distinto ancor confina,
e l’erbe sparse di minuta brina
non ha tepido il Sol rasciutte ancora.
     Tu, pargoletta (or giá volgon duo lustri),
ten givi un serto, con tua mandra errante,
di fior tessendo e di mature fraghe.
     Io stava in parte rimirando, e quante
cogliea la bianca man rose e ligustri,
tante m’erano al cor facelle e piaghe.


XXXVII


LA ROSA CADUTA ALLA SUA NINFA


     — Questa, che ’l bianco piè di Citerea
trafisse ignudo e del suo sangue tinta
rosseggia ancor, giá fresca, o caro Aminta,
a la tua Lidia in bocca oggi ridea.
     Ma, mentre odor piú dolce indi traea,
di piú vivo color sparsa e dipinta,
secca, qual vedi, e vergognosa e vinta
cadde dal labro, ch’agguagliar credea. —
     Sí disse Coridon. Mirolla fiso,
e ’n lei di pianto un rugiadoso gelo
il misero pastor stillò dal viso.
     — Felice rosa — ei disse, — oh dal tuo stelo
teco nato fuss’io, teco reciso!
Come sdegnar puoi tu gli orti del cielo? —