Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. II, 1977 – BEIC 1871053.djvu/629


ARGOMENTO

Dopo l’essequie nobili e pompose
Venere instituisce i giochi estremi;
e compartiti ai vincitori i premi,
il vel si squarcia a le future cose.

Ed ecco alfín dopo camin sí lungo
scorge la meta il mio corsier giá stanco,
onde con maggior fretta io sferzo e pungo
al pigro ingegno il travagliato fianco.

Giá la voce vien men, ma mentr’io giungo
presso a l’estremo, augel canoro e bianco,
vorrei purgando il rauco spirto alquanto
far vie piú dolce, e non mortale il canto.

Qual volubile ordigno, il cui volume
misura quel che dá misura al moto,
giunto al tocco de l’ora, oltre il costume
veloci i giri accelerando io roto.

Quasi lucerna, in cui s’estingue il lume
quando il vasel d’ogni alimento è vóto,
svegliando il vigor languido mi sforzo
raddoppiar lo splendor, mentre l’ammorzo.