Pagina:Luigi Novarini-Alchimia spirituale.djvu/433


Spirituale. 415


Circa la morte pure esercitaremo il martirio spirituale, di
 cui s’è fatta mentione nel cap. de 
Travagli: il qual atto è tanto più 
perfetto, quanto contiene cosa più 
di dolore, e che suol esser il compimento del martirio. Faremo
 dunque ogn’opra buona con questo intendimento, come s’esser
 ci dovesse mezzo di morire, e la morte fosse il di lei premio. Per esempio nel principio dell’orare dir si potrà. Signore, in
tendo star quì, e far questa oratione, come essa mi debba servire per occasion e mezzo di spen
der la mia vita per voi stò quì,