Pagina:Le opere di Galileo Galilei II.djvu/332


in perpuosito de la stella nuova. 329

Na. Aspietta ch'a ghe pense on puoco. A dirae defatto que l’albara foesse pì bassa, e ’l salgaretto pi elto mi; per que el me parerae così, anche no sianto el vera.

Ma. Fà on può n'altra consa. và sù sta nogara, ch'a t'agierè mi.

Na. Que vuotù fare?

Ma. Vaghe, e pò te sentiriesi.

Na. A gh'anderè, sda che te vuò così.

Ma. Pian, che te no te faghi male.

Na. Tà de mi; mo a me songi squaso scapogiò n'ongia, e mondò un zenuogio.

Ma. Ghe sito ancora ben fremo?

Na. Sì mi, que gh'è mò?

Ma. Torna à smirare quell’albara, che te guardavi an chì de sotto.

Na. E pò?

Ma. Smiranto à quella dertamèn, puotù vere sto salgaretto, con te fasivi sipianto de sotto?

Na. Mo nò mi. e si s’a foesse da lunzi. così a l’elta, a dirae, que el salgaretto foesse pi basso mi.

Ma. Viè tonca zò, ch'a te conterè de belo.

Na. El gh'è puoca faiga à saltar zoso.

Ma. Sintime mò. per que quando te gieri abasso, el salgaretto te parea pì elto dell'albara; e sipianto sù la nogara, el te parea à l’incontragio; perzuontena an questo xè n'a0ltro muò de Prealasse, que Prealasse ven a' dire, con sarae a dire, defenientia de guardamento. Fà mo tò conto, che se t'andiessi sù quel moraro, che xè live, el salgarello te parerne pi basso de l’albara, e à bò da man; e ste torniessi pò da st'altro lò, el salgaretto te vegnirae à parere pi elto de l’albara, e à bò da fuora. e an questo xe n'altro muò de Prealasse; segondo, che me deschiarè na botta el mè paròn. l’intindito mo?

Na. Aspetta ch’i’pensi un poco. l’direi, io, senz’altro, che la pioppa fosse più bassa, e il salicetto più alto; perchè e’ mi parrebbe così, anche ch’e’ non fosse vero.

Ma. Fa’ un po’ un’altra cosa. Sali su questo noce, ch’io t’aiuterò.

Na. Che vuo’ tu fare?

Ma. Va’ su, e poi tu sentirai.

Na. I’ ci andrò, dacché tu vuoi così.

Ma. Adagio, che tu non ti faccia male.

Na. Pover’a me! e’ mi son quasi portata via un’unghia e sbucciato un ginocchio.

Ma. Ci sei ancora ben saldo?

Na. Io sì. E ora che c’è?

Ma. Torna a mirare quella pioppa, che tu guardavi anche di quaggiù sotto.

Na. E poi?

Ma. Mirando a quella in dirittura, puoi tu vedere questo salicetto come tu facevi essendo di sotto?

Na. Ma io no: eppure se io fossi da lontano così in alto, io per me direi che il salicetto fosse, più basso.

Ma. Vieni dunque giù, che te ne conterò di belle.

Na. E’ c’è poca fatica a saltar giù.

Ma. O sentimi: perchè, quando tu eri abbasso, il salicetto ti pareva più alto della pioppa, ed essendo sul noce e’ ti pareva all’incontrario, per ciò anche questo è un altro modo di parallasse: chè parallasse vien a dire, come sarebb’a dire, differenza di mira. Fa’ ora il tuo conto, che se tu andassi su quel gelso che è là, il salcerello ti parrebbe più basso della pioppa e a destra; e se tu tornassi poi da quest’altra parte, il salicetto ti verrebbe a parere più alto della pioppa e a sinistra: e anche questo è un altro modo di parallasse, secondo che mi dichiarò una volta il mio padrone. L’intendi tu ora?

1, Aspetta — 5. un