Pagina:Le ferrovie economiche d'Europa.djvu/97


II.

Ferrovia del Flénu.


Pel servizio delle miniere di litantrace dell’alto e basso Flénu nella provincia di Mons si fecero, fino da 30 anni or sono, varie linee del complessivo sviluppo di circa 31 Chil. collo scartamento di 1m,20, destinate a condurre il carbone alle sponde del canale da Mons a Conday.

Più tardi, venne la ferrovia dello Stato da Brusselles a Parigi per Mons, e bisognava collegarsi con essa, per cui si fecero altri 15,500 metri di binari dello scartamento usuale di 1m50, in parte addossati al binario ristretto di cui si utilizzò una delle rotaje. Tutte queste linee ora sono esercitate a locomotive, eccetto la distribuzione dei vagoni lungo il canale, che si fà con cavalli, ed eccetto un piano inclinato del 6 p. % lungo 750m ed automotore.

Finanze. — Nel 1865 l’introito generale fu di lire 1,275,941. le spese lire 566,000. Il dividendo agli azionisti 11 p. %

Anche nei tre anni precedenti, la spesa si era mantenuta nella proporzione del 46 al 52 p. % dell’introito e sempre si fecero buoni affari.

Costruzione. — Non si può discorrere della costruzione di questa linea; poiché pelle sue speciali circostanze non ci fornisce alcun dato utile.

La pendenza massima è del 2,7 per %; domina quella dell’8 o 9 per ‰: curve minimo 40.m di raggio pel piccolo scartamento, e 150.m per quello maggiore.

Le rotaje pesano 28 chilog. il metro lineare, e sono a doppio fungo eguale, col che si crede poterle usare in 4 diverse posizioni; sulle tratte a ordinario scartamento la rotaja pesa 25 chilogrammi. Per l’enorme traffico di questa linea, fu saggia misura adottare pesanti ruotaje.

Le traverse distano fra loro 0m,90.

Esercizio. — Questo esercizio ci presenta un utile confronto delle spese di trazione di ogni tonnellata sui due diversi scartamenti.