Apri il menu principale

Pagina:Le confessioni di un ottuagenario I.djvu/143

116 le confessioni d’un ottuagenario.


vano dato tanto piacere. Se la Pisana mi piantava lí per vezzeggiare e tormentare altri garzonetti, o se la mi fuggiva via a mezzo il passeggio colla speranza che nel frattempo fosse capitata qualche visita al castello, io non correva più a darmele in spettacolo col mio muso lungo, e le mie spalle riottose; me n’andava invece a svampare l’affanno nella frescura dei prati e sulla sponda del rio. Ad ogni passo erano nuovi prospetti e nuove maraviglie. Scopersi un luogo dove l’acqua s’allarga quasi in un laghetto, limpido ed argentino come la faccia d’uno specchio. Le belle treccie di aliche vi si mescevano entro come accarezzate da una magica auretta; e i sassolini del fondo tralucevano da esse candidi e levigati in guisa di perle sdrucciolate per caso dalle loro conchiglie. Le anitre e le oche starnazzavano sulla riva, e a volte di conserva si slanciavano tumultuosamente nell’acque, e tornate a galla dopo il tonfo momentaneo, prendevano remigando la tranquilla e leggiadra ordinanza d’una flotta che manovra. Era un diletto vederle avanzare, retrocedere, volteggiare, senzachè la trasparenza dell’acqua fosse altrimenti turbata che per una lieve increspatura, la quale moriva sulla sponda in una carezza più lieve ancora. Tutto all’intorno poi era un folto di piante secolari, sui cui rami la lambrusca tesseva gli attendamenti più verdi e capricciosi. Coronava la cima d’un olmo, e poi s’abbandonava ai sicuri sostegni della quercia, e abbracciandola per ogni verso le cadeva d’intorno in leggiadri festoni. Da ramo a ramo, da albero ad albero l’andava via come danzando, e i suoi grappoletti neri e minuti invitavano gli stornelli a far merenda, ed i colombi a litigare con questi per prenderne la loro parte. Sopra a quel largo, dove il laghetto tornava ruscello, erano fabbricati due o tre mulini, le cui ruote parevano corrersi dietro spruzzandosi acqua a vicenda come tante pazzerelle. Io stava lì le lunghe ore contemplandole, e gettando sassolini