Apri il menu principale

atto terzo. - sc.ii. 329

                       calibano.
                             Sarà tra poco
Prospero addormentato: hai risoluto
Di spacciarlo dal mondo?

                       stefano.
                                    Io te lo giuro
Sull’onor mio.

                        ariele.
                        (da sé).
                       Novella al mio Signore
Ne porterò.

                       calibano.
                    Qual gioja! In visibilio
Mi sento andar! Baldoria, olà baldoria!
Insegnami, o Signor, la canzonetta
Che or or canterellavi.

                       stefano.
                               A senno tuo,
Bel mostro! a senno tuo. Vien qui, Trinculo,
Accordianne le voci e insiem cantiamo.
                       (Cantano)
«Si giochi, si canti, si rida di lor;
Però che il pensiero v’è libero ognor.»

                       calibano.
Così l’aria non va.
  (Ariele suona l’aria col tamburello e col flauto.)

                       stefano.
                             Che suono è questo?

                       trinculo.
Gli è maestro Nessun che vien sonando
La nostra cantilena.