Apri il menu principale
326 la tempesta.

Bersi dovrà, chè le dolci sorgenti
Non vorrò già mostrargli.

                       stefano.
                      (a Trinculo).
                                    Orsù! ti guarda
D’aprir più bocca: se t’arrischi ancora
D’interrompere il mostro, io, vedi! all’uscio
Metto la pazïenza, e ti trasformo
In mummia di merluzzo.

                       trinculo.
                                  E che t’ho fatto?
Or ben, da voi mi scosto.

                       stefano.
                                  E ch’egli mente
Detto or ora non hai?

                        ariele.
                             Tu menti!

                       stefano.
                                            Io mento?
                        (Lo batte.)
Prendi! e se ciò ti garba, una mentita
Nova mi da’.

                       trinculo.
                    Nessuna io te n’ho data.
O che? senno ed orecchio hai tu perduto?
Maladetto quel fiasco! Ecco bei frutti
Del trincar senza modo! Che la peste
Colga il tuo mostro, e il diavolo ti storpi
Le dita.