Apri il menu principale
322 la tempesta.

Son del nostro cervello, affè lo Stato
Vacilla.

                       stefano.
                   Mostro, servo mio, tracanna
Quand’io te lo comando. Entrati gli occhi
Ti son quasi nel capo.

                       trinculo.
                                  E dove, in grazia,
Tu li vorresti? Un mostro assai bizzarro
Saria, se gli occhi nella coda avesse.

                       stefano.
Annegata nel vino è la favella
Del mostro mio. Che me lo stesso mare
Possa annegar, non credo. Io, ve lo giuro
Per la luce del di, varcai nuotando,
Pria di giungere a proda, un trentacinque
Leghe. Tu mi sarai locotenente
E signifero, o mostro.

                       trinculo.
                                     Un tentennino
Qual è mal porterebbe il gonfalone.
Meglio locotenente.

                       stefano.
                              Andar di trotto,
Ser mostro, non possiam.

                       trinculo.
                                        Neppur di passo,
Ma chiotti sulla terra a mo’ di cani
Sdrajatevi e tacete.