Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/81

312 la tempesta.

                       calibano.
                    Ti bacio i piedi, e giuro
Ch’io sarò tuo vassallo.

                       stefano.
                                    A terra, e giura!

                       trinculo.
Mi fa la scioccheria d’un tal balordo
Sbellicar dalle risa. O senza pari
Stupido animalaccio! un gran prurito
Di picchiarti mi dài.

                       stefano.
                              T’appressa e bacia!

                       trinculo.
Colto è il povero mostro; un nauseoso
Animal!

                       calibano.
                Le più limpide sorgive
Indicar ti prometto, e coglier bacche,
Pigliar pesci per te, per te dal bosco
Recar fasci di legna; e l’ira affoghi
Quel tiranno ch’io servo. Al tetto suo
Portar più non vedrammi un ramoscello.
Te, te seguir, miracolo d’un uomo.
Per sempre io vo’.

                       stefano.
                             Mutarmi un cinciglione
In miracolo vuol? Risibil mostro
Più di questo non vive.

                       calibano.
                                     Io vo’ condurti