Apri il menu principale

atto secondo. - sc.ii. 311

                       calibano.
                                   Un dio non sei
Qui disceso dal ciel?

                       stefano.
                                Si, dalla luna,
Sta’ certo. Un tempo l’abitai.

                       calibano.
                                            Ti vidi
Nel suo disco, e ti adoro. A me t’ha mostro
Lassù colla tua soma e col tuo cane
La donna mia.

                       stefano.
                        Lo giura e bacia il libro;
Poi ne ricolmerò la vuota pancia.
Giuralo!

                       trinculo.
                 Ah per l’inferno! un idïota
Mostro è costui! Temer d’un tale allocco?
L’uom della luna? O matto, o scimunito,
O bergolo d’un mostro! Affè ben grossa
L’hai tu bevuta!

                       calibano.
                             Io voglio i più fecondi
Luoghi additarti, e baciar le tue piante.
Il mio nume sarai.

                       trinculo.
                              Per questa luce
Del giorno il mostro è perfido e beone.
S’addormenti il suo nume, e la fiaschetta
Gli ruberà.