Apri il menu principale

atto secondo. - sc.i. 295

                      sebastiano.
                             Ma sei tu desto?

                       antonio.
Non mi senti parlar?

                      sebastiano.
                               Parole io sento
D’uom che dorma e che sogni... Or che dicevi?...
Sogno maraviglioso! ad occhi aperti
Dormir, tenersi eretto, i pie’, la lingua
Movere, e, tutto questo in un profondo
Sonno.

                       antonio.
           Tu sonnecchiar la tua fortuna
Lasci, Sebastïan, nè più destarla
Forse potrai. Si, principe, tu vegli
Con palpèbre abbassate.

                      sebastiano.
                                  E tu, mi russi
Sonoramente.... e pur v’è qualche senno
Nel tuo russar.

                       antonio.
                       Più senno aver mi trovo
Del consueto. Imitami! Se m’entri
Tu nel pensiero, diverrai tre volte
Maggior di quel che sei.

                      sebastiano.
                                  Stagnante pozza
Son io.

                       antonio.
          Tu come il flusso, alla mia scola,
Correrai.