Apri il menu principale

atto secondo. - sc.i. 291


                       antonio.
                            Scordò nel fine
Come ben cominciasse.

                       gonzalo.
                                    In comunanza
Tutto; e da sè, per sola intima forza,
Dovria, senza sudor, senza fatica,
Dar la terra ogni cosa. Ignoti nomi
Le frodi, i tradimenti; e spade ed aste
E daghe ed archibugi e ogni altro arnese
Di guerra in bando. Che natura insomma
Con rigoglio spontaneo alimentasse
Quelle eccellenti crëature.

                      sebastiano.
                                        E tolte
Le nozze ancora?

                       antonio.
                            Intendesi; baldoria
Universal, bagascie e farabutti.

                       gonzalo.
E far così felice il mio governo
Vorrei da superar l’età dell’oro.

                      sebastiano.
Protegga il Ciel Sua Maestà! Lung’anni
Viva Gonzalo!

                       gonzalo.
                        Orecchio a me non dài,
Sire?

                       alonso.
          Smetti una volta! Un fatuo rombo