Apri il menu principale

atto secondo. - sc.i. 289

Qual delle lanci traboccasse. Il figlio
Vostro è perduto, e, temo assai, per sempre.
E più vedove a Napoli, a Milano
Demmo già noi, che uomini e mariti
Riconduciamo a consolarle. È vostra,
Sire, la colpa.

                       alonso.
                       E col maggiore castigo
Ne son punito.

                       gonzalo.
                       Verità son queste,
Prence Sebastïan; ma troppo amare,
Nè dette a tempo. Esacerbar la piaga,
Non lenirla di balsamo vi piace.

                       antonio.
Bel detto!

                      sebastiano.
                   E da cerusico.

                       gonzalo.
                                          Mal tempo
È per noi, mio buon re, se la tua fronte
S’annuvola.

                      sebastiano.
                     Mal tempo?

                       antonio.
                                    Oh si! mal tempo,
Anzi pessimo tempo.

                       gonzalo.
                               Ove, o Signore,
Di coltivar quest’isola mi fosse
Dato l’incarco....