Apri il menu principale
286 la tempesta.

                      sebastiano.
                                 E mura e case
Fa sorgere in un punto.

                       antonio.
                                     E cosa al mondo
Non fattibile v’ha ch’egli non faccia?

                      sebastiano.
Credo fin, che quest’isola si metta
Nella bisaccia, e ritornando a casa
La dia, come una mela, al suo bamboccio.

                       antonio.
Poi nel mare egli getti, acciò di molte
Ne sorgano, il midollo.

                       gonzalo.
                                    Oh che! Da vero?

                       antonio.
Certo, al tempo opportuno.

                       gonzalo.
                                      Or or ti dissi,
Mio re, che i panni nostri han la freschezza
Stessa ch’aveano a Tunisi nel giorno
In cui di Claribella, oggi reina,
Venne il connubio festeggiato.

                       antonio.
                                             Il fiore
Di quante vi regnâr.

                      sebastiano.
                                Sol che vi piaccia
Tirarne fuor la vedova Didone.