Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/53

284 la tempesta.

Però più singolare, a cui nessuna
Fede il mondo darìa.....

                      sebastiano.
                                       Come a non poche
Novità d’oggigiorno.

                       gonzalo.
                                  È questo, o Sire:
Che quantunque dal mare i nostri panni
Tanto inaffiati, il lucido e il colore
Mantennero così che non già guasti
Li dovremmo noi dir, ma tinti in novo.

                       antonio.
Se potesse rispondergli una sola
Delle sue tasche griderìa «tu menti!»

                      sebastiano.
O dovrebbe la bubbola tenersi
Con prudenza intascata.

                       gonzalo.
                                     Asciutti e lindi
I nostri abiti son come nel primo
Giorno che li vestimmo agli sponsali
Di Claribella, la real tua figlia,
Col Sultano di Tunisi.
                                                               
                      sebastiano.
                                 Felice
Imeneo veramente; e benedetto
Pure il nostro ritorno.

                       adriano.
                                      In nessun tempo
Tunisi si vantò d’una reina