Apri il menu principale
272 la tempesta.

Che non ponno asciugarsi, il re mio padre
Veduto ad affogar.

                       miranda.
                                       Pietà del cielo!

                      ferdinando.
Si, co’ seguaci suoi veduto ho il padre
Sprofondar nell’abisso, e insiem con esso
Il duca di Milano e il valoroso
Figlio di lui.

                       prospero.
                             Smentir (ma non è questa
L’ora opportuna per gittar parole)
Il duca di Milano e la sua degna
Figlia ben ti potrebbero.
                     (Fra sè e sè.)
                                           Lo sguardo
Di primo tratto si scambiàr. ― Gentile
Arïel, sarai libero!
                         (Forte.)
                           M’udite,
Signor! Che grave danno i detti vostri
Recassero a voi stesso ho gran sospetto....

                       miranda.
Perchè mai gli favella il padre mio
Con tanta acerbità? La terza è questa
Figura umana che vegg’io; la prima
Però che m’innamora. Oh, possa il padre
Provar quel senso di pietà ch’io provo!

                      ferdinando.
Se fanciulla voi siete, e d’altri affetti