Apri il menu principale

Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/152


atto quinto. - sc.i. 383

   Quella preghiera che va dritta al core,
E pia riparatrice è dell’ errore.
   Qual dunque la sperate ai vostri falli,
Deh, la vostra indulgenza a’ miei non falli!