Apri il menu principale

Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/148


atto quinto. - sc.i. 379

                       calibano.
Strazïar mi vorrà fin che mi scoppi
L’anima.

                        alonso.
                   Oh! non è Stefano ch’io veggo?
Quel mio beone cantinier?

                      sebastiano.
                                        Briaco
Pure in quest’ora. Ov’abbia il vin trovato,
Non so.

                        alonso.
                 N’è cotto morto anche Trinculo,
E pencola sui pie’. Come scovaro
Lo stupendo elisir che i volti loro
Cosi ben indorò?... Ma chi, Trinculo,
T’ha concio in guisa tal?

                       trinculo.
                                   Poi che diviso
Venni, o Sire, da te, così m’han concio;
E credo che durevole ricordo
N’avran queste ossa mie per tutta intera
La vita. Or che mi pungano le mosche
Non avrò più paura.

                      sebastiano.
                              E tu, che soffri,
Stefano?

                       stefano.
                  Non toccatemi! Non sono
Stefano più, ma il granchio!

                       prospero.
                                           E pur volevi