Apri il menu principale

Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/141

372 la tempesta.

Regni tu lo faresti, ed io leale
Direi quel gioco tuo.

                       alonso.
                                Se quanto io veggo
Dell’isola è un fantasma, un’altra volta
Perdo mio figlio.

                      sebastiano.
                          Affè, meravigliosa
Visïon!

                      ferdinando.
                  (accorgendosi del padre).
                Formidabili son l’onde,
Ma non senza pietà. Fui bene ingiusto
Quando a lor maledissi.
                (Si getta a’ piedi d’Alonso.)

                       alonso.
                                    Oh quanto un padre
Benedir può nel gaudio il figlio suo,
Sii benedetto! Sorgi e narra il come
Salvo uscisti dal mare.

                       miranda.
                                 O quai gentili
Crëature vegg’io! Come mai belli
Gli uomini son! Felice il novo mondo
Con tali abitatori.

                       prospero.
                           È novo, o figlia,
Solo per te.

                       alonso.
                    Chi, figlio, è la donzella