Apri il menu principale

Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/104


atto terzo. - sc.iii. 335

Giacchè pur qui fra voi talun si trova
Peggior d’ogni demonio.

                       alonso.
                                     Io non so dirvi
Lo stupor che mi prese a quelle forme,
A que’ gesti, a quel suono. Ancor che privo
Di parola, stupenda è la chiarezza
Del lor muto linguaggio.

                       prospero.
                       (fra sè e sè).
                                      Al fine, amico,
La tua lode riserba.

                      francesco.
                              Affè bizzarro
Fu quel loro sparir.

                      sebastiano.
                               Chi se ne imbriga?
Ne lasciar le vivande, al nostro lungo
Digiun bene opportune. A voi non piace
Farne saggio, o mio re?

                       alonso.
                                    No.

                       gonzalo.
                                         Qui non veggo
Cosa che ci sgomenti. E qual di noi,
Quando bimbi eravam, creduto avrebbe
Che vi fosse nei boschi una genìa
D’uomini, a cui pendesse una giogaja
Similissima in tutto all’adiposa
Che fascia il collo ai tori? o che vi fosse