Pagina:La buffa.djvu/46


                          C'erano ancora case:
                          chi infilò qualche portone,
                          chi si stese dentro una stalla
                          beato come nel letto.
                          lo feci il sonno più bello
                          di tutta la mia vita,
                          dentro una barella
                          ancora insanguinata.

***


                          Il giorno due novembre,
                          si stava seduti all'alba,
                          vicino alle marmitte,
                          bevendo il caffè caldo,
                          quando arrivò la voce:
                                        «Si mangia e poi si parte!»

                          C'erano delle case
                          sulle ultime pendici
                          di Monte Sabotino



45 —