Pagina:Il Lago Maggiore, Stresa e le Isole Borromee - Vol. 1.pdf/177


— 158 —

NVL, che fu tosto e con tutta probabilità preso pel nome del duca Meinulfo, che sarebbe stato scritto in quel modo1.

Non è del mio scopo il proseguire più oltre il racconto delle geste de'Longobardi in Italia. Limiterò quindi il mio dire al racconto di solo quel tanto, che può dar luce alla storia dei luoghi del nostro Lago. Gioverà tuttavia offerire qui intera la serie dei loro re per le allusioni, che ci occorreranno di fare in appresso, e per la chiarezza di quanto esporremo, incominciando da

591. Agilulfo che regna per 24 anni, al quale successe
615. Adaloaldo,
625. Ariovaldo,
636. Rotari, primo autore di leggi scritte tra'Longobardi
652. Rodoaldo o Frodoaldo
653. Ariberto I,
661. Gondiberto e Bertarido. Questo è scacciato da
662. Grimoaldo,
671. Garibaldo,
671. Bertarido ristabilito,
686. Cuniberto,
700. Luitperto,
701. Ariberto II,
712. Ansprando,
712. Luitprando o Liutprando,
744. Ildebrando,
744. Rachis, che abdica e si fa monaco in Monte Cassino,
749. Astolfo,
756. Desiderio, che si associa Adalgisio dal 767.
774. Fine del regno de'Longobardi.
  1. Vedi la Dissertazione VIII di Guido Ferrari tra le Dissertationes pertinentes ad Insubriae antiquitates.