Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/98


che ella possa far la pietate
a Torno per cui è stata advocato,
e la Iustizia segga en veritate
104 con tutto lo suo officio ordenato.
Lo Patre onnipotente, en chi è ’l potere,
al suo Figliolo fa dolce parlamento:
— O Figliol mio, sommo sapere,
en tene iace lo sutigliamento:
de raquistar Pomo è en piacere
a tutto quanto lo nostro convento;
tutta la corte farai resbaldire
ri2 se tu vorrai sonar quello stroinento. —
— O dolce Patre mio de reverenza,
ne lo tuo petto sempre so morato,
e la virtute de la ubidenza
per mene si sera esercitato:
tròvemese albergo d’avegnenza
lá ’ve deggia essere albergato,
ed io faraggio questa convegnenza
120 de conservar ciascuna nel suo stato. —
Dio per sua bontá si ha formato
un corpo d’una giovene avenante;
e poi che ’l corpo fo organizato,
creocci l’alma en uno icto stante:
^
ed en estante l’ha santificato
da quello originai peccato ch’ante
per lo primo omo era seminato
128 en tutte le progenie sue afrante.
O terra senza tribulo né spina,
germinatrice de onne bon frutto:
de virtute e grazia sei pina,
poneste fine ne lo nostro lutto,
li qual per lo peccato eramo en pina
de Èva che mangiò lo veto frutto;
restauro de la nostra ruina,
136 Vergene Maria, beata en tutto!