Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/80


De temperanza acónciate — per compir tuo viagio:
ella è magestra medeca — per sanar lo coragio;
en prosperiate umile, — che ’l sa far per usagio,
34 che facci esto passagio — co se convien de fare.
Alma, po’ che se’ ornata, — vestita de virtute,
sacci che da longa — le porte te so aprute
e molto grandi eserciti — scontra te so venute
38 e riècante salute, — ché te s’on da pigliare.
Poi che fedelitate — en te è resplendente,
gli patri santi envitanti — che si’ de la lor gente:
— Ben venga nostra cognita, — amica e parente:
42 dégiate esser placente — con noi de demorare. —
Puoi che de speranza — tu hai si bello ornato,
gli profeti envitanti — che si’ de loro stato:
— Vien’ con noi, bellissima, — al nostro gloriato,
46 che è si smesurato — noi te porram contare. —
Puoi che de cari tate — tu porti el vestimento,
gli apostoli t’envitano — che si’de lor convento:
— Vien’con noi, bellissima, — gusta’l delettamento,
50 ca lo suo piacemento — non se può ’maginare. —
Puoi che de prudenza — tu porti l’ornatura,
gli dottori t’envitano — che porti lor figura:

— Una avemo regola, — una è la pagatura:
54 la nostra envitatura — non se de’ renunzare. —
Puoi che vai ornata, — anima, de forteza,
gli martiri t’envitano — a lor piacevoleza:
— Vien’ con noi a vedere — la divina belleza,
58 che te dará alegreza — qual non se può stimare. —
Puoi che se’ ornata, — alma, de temperanza,
gli confessori e vergene — te fon grande envitanza:
— Vien’con noi, bellissima, — ad nostra congreganza
62 e gusta l’abondanza — del nostro gaudiare. —
Puoi che de iustizia — porti gli suoi ornate,
gli prelati envitanti — a lor societate:
— Vien’con noi, bellissima, — a la gran dignitate,
66 veder la maiestate — che ne degnò salvare. —