Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/76


XXXV

Esortazione a l’anima propria
che, considerata la sua nobilita,
non tardi la via a l’amor divino

O anima mia, — creata gentile,
non te far vile — enchinar tuo coragio,
3 ch’en gran baronagio — è posto el tuo stato.
Se om poveretto — gioietta te dona,
la mente sta prona — a darli el tuo core:
con gran disio — de lui se ragiona,
con vile zona — te lega d’amore;
el gran Signore — da te è pelegrino,
fatt’ha’l camino — per te molto amaro: t
io o core avaro, — starai piú endurato?
Se re de Francia — avesse figliola
ed ella sola — en sua redetate,
giria adornata — de bianca stola,
sua fama vola — en omne contrate;
s’ella en viltate — entendesse, en malsano,
e désseise en mano — a sé possedere,
17 que porria om dire — de questo trattato?
Piú vile cosa — è quello c’hai fatto:
darte ’n transatto — al mondo fallente:
lo corpo per servo — te fo dato atto,
ha’ ’l fatto matto — per te dolente;
signor negligente — fa servo regnare
e sé dominare — en rea signoria:
24 hai presa via — ca questo c’è entrato.