Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/69


XXXI

Como la curiosa scienzia e l’ambizione
sono destruttive de la purità

Tale qual è, tal è: — non c’è religione.
Mal vedemmo Parisci — c’hane destrutto Ascisi:
con la lor lettoria — messo l’ò en mala via.
Chi sente lettoria, — vada en forestaria;
5gli altri en refettorio — a le foglie coll’olio.
Esvoglierá el lettore — servito emperatore;
enfermerá el cocinere — e noi vorrá om vedere.
Adunatisi a capitoli — a far li molti articoli;
el primo dicitore — è ’l primo rompetore.
Vedete el grand’amore — che l’un a l’altro ha en core!
11guardai co el muletto — per dargli el calcio en petto.
Se non gli dai la voce, — porratte ne la croce;
porratte poi l’ensidie — che moia a Renderenie.
Totto’l di sto a cianciare, — co le donne a beffare;
se’l fratecel gli aguata, — è mandato a la malta.
Se è figlio de calzolaio — o de vile mercenaio,
17menerá tal grossore — co figlio d’emperadore.