Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/37


Oimè, onor, co mal te vide, — ca ’l tuo gioco me occide:
begl me costa el tuo ride, — de tal prezo m’hai pagata!
Se vedessi mia figura, — moreri’ de la paura:
non porria la tua natura — sostener la mia sguardata.
L’anema ch’è viziosa — orribil è sopr’onne cosa:
35tal dá puza estermenosa, — en omne canto è macellata.
O penar, non sai finire — né a fin giamai venire:
si perseveri tuo ferire — corno fosse comenzata.
Non fatiga el feredore, — el ferito non ne more:
or te pensa el bello amore — che sta en questa vicinata.
La pena è consumativa, — l’alma morta sempr’è viva,
41e la pena non deriva — de star sempre en me adizata. —
— Penso ch’ io sirò dannato, — nullo bene agio operato
e molto male acumulato — en la mia vita passata. —
— Frate, non te desperare; — paradiso poi lucrare
se te guarde dal furare — l’onor suo che t’ha vetata.
Teme, serve e non falsare — e combatte en adurare;
47si e’ ’n bon perseverare, — proverai l’umiliata0). —
(i) Le tre stanzie sequente erano in alcuni libri inanti le tre ultime:
O lamento mio lamento, — o lamento con tormento,
o lamento co m’hai tento, — de tal machia m’hai sozata!
O corrotto mio corrotto, — o corrotto pien de lotto,
o corrotto o’ m’hai adotto, — che sia nel foco soterrata?
Conscienzia mia mordace, — tuo flagello mai non tace;
tolta m’hai dal cor la pace — e con Dio scandalizata.
(Nota del Bonaccorsi).