Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/255


Sentitivi, o pigri e negligenti:
bastevi el tempo ch’avete perduto!
Oh quanto simo stati sconoscenti
al piú cortese che si sia veduto!
el qual promette celestial presenti,
e mai nullo non ne vien falluto:
107chi l’ama, si li sta buon servidore.
Servire a te, Iesú mio amoroso,
piú sei suave d’ogni altro diletto:
non può sapere chi sta de te ozioso
quanto sei dolce ad amar con affetto;
giamai el cor non trova altro reposo
se non in te, Iesú, amor perfetto,
114che de tuoi servi sei consolatore.
Consolar l’anima mia non può terrena cosa,
però ch’ella è fatta a tua sembianza,
che piú de tutto el mondo è preziosa
e nobile e sopr’onne altra sustanza:
solo tu, Cristo, li puoi dar puosa
e puoi empire de tutta sua bastanza,
121però che tu sei solo suo maggiore.
Maggiore inganno non mi par che sia
che volere quello che non se trova,
e pare sopra onne altra gran follia
de quel che non può esser farne prova:
cusi fa l’anima che è fuor de la via,
che vuol che ’l mondo li empia legge nova,
128e non può essere, ché’l mondo è minore.
Menorar si vuole lo cor villano
che del mondo chiamasi contento,
che te vuole, Iesú, amor soprano,
per terrene cose cambiare intendimento:
ma se el suo palato avesse sano
che assagiasse lo tuo delettamento,
sopra ogni altro li parria el migliore. J35