Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/252


Como il vero amore non è ozioso
Troppo perde el tempo chi non t’ama,
2 dolce amor Iesú, sopra ogni amore.
Amore, chi t’ama non sta ozioso,
tanto li par dolce de te gustare:
ma tutta ora vive desideroso,
corno te possa stretto piú amare;
ché tanto sta per te lo cor gioioso,
chi noi sentisse, noi porria parlare
9 quanto è dolce a gustare lo tuo sapore.
Sapor che non si trova simiglianza,
oh lasso, ché’l mio cor poco t’assagia!
Nulla altra cosa a me è consolanza,
se tutto el mondo avesse e te non aggia:
o dolce amor Iesú, in cui ho speranza,
tu regge lo mio cor, che da te non caggia,
16 ma sempre piú strenga lo tuo amore.
Amor che tolli forza ed onne amaro
ed onne cosa muti in tua dolcezza:
e questo sanno i santi che ’l prováro,
che fecero dolce morte in amarezza;
ma confortolli il dolce lattuaro
de te, Iesú, che vensero onne asprezza,
23 tanto fusti suave nei lor core!
Cor che te non sente, ben pò esser tristo:
Iesú, letizia e gaudio de la gente,
solazzo non puote esser senza Cristo;
tapino, ch’io non t’amo si fervente!
Chi far potesse ogni altro acquisto
e te non aggia, de tutto è perdente,
30 e senza te sarebbe in amarore.