Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/242


— Se te ne piglia cordoglio, — figliuolo, a ragion lo fai:
ch’hai sequitato lo mondo, — de que ragion renderai;
59e debito fatto ci hai, — lo qual te convien pagare.
Ora me rende ragione — de questo c’hai endebitato:
ch’èi stato falso amadore — e me per altri hai lassato,
ed a quel ch’ io t’agio ensegnato — non hai voluto guardare. —
— Non la conobbi, Mesere, — questa tua santa Scrittura;
visso so a tentazione, — beffe me n’ho fatto a tut’ura:
65ma la sentenzia tua è dura, — e non ce pò l’om appellare.
Io me ne appello a Madonna — de questa tua dirittura,
ch’altri non è chi ci agiogna, — che siede en ròcca sicura:
ed essa t’è matre e figliuola, — e tu me t’èi fatto carnale.
Ca io per ragion te lo provo — che tu me dèi far perdonanza:
eri Dio e facestite omo — e questo me poni en bilanza;
71per danne de te securanza — mia forma volesti pigliare. —