Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/219


corno formata si ha potestate,
opera con frutto si puote fare:
donqua si è transformata en veritate
en te sol, Cristo, che se’ dolce amare;
a te si può imputare — non a me quel che faccio:
178però, se non te piaccio, — tu a te non piaci, amore.
Questo ben sacci che, s’io so empazito,
tu, somma sapienzia, si el m’hai fatto:
e questo fo da che io fui ferito
e quando con l’amor feci baratto,
che, me spogliando, fui de te vestito,
ad nova vita non so co fui tratto;
de me tutto desfatto — or so per amor forte:
186rotte si son le porte — e giaccio teco, amore.
Ad tal fornace perché me menavi,
se volevi ch’io fossi en temperanza?
Quando si smesurato me te davi,
tollevi da me tutta mesuranza:
poi che picciolello me bastavi,
tener te grande non aggio possanza;
onde, se c’ è fallanza, — amor, tua è, non mia:
194però che questa via — tu la facesti, amore.
Tu da l’amore non te defendesti:
de cielo en terra fecete venire;
amore, ad tal basseza descendesti,
co omo despetto per lo mondo gire;
casa né terra giá non ce volesti:
tal povertate per noi arricchire;
la vita e nel morire — mostrasti per certanza
202amor de smesuranza — ch’ardea nello core.
Como per lo mondo spesso andavi,
l’amor si te menava co venduto;
en tutte cose, amor, sempre mostravi
de te quasi niente perceputo,
che stando nello tempio si gridavi:
— Ad bever venga chi ha sostenuto,