Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/218


138 l’amor che si m’abraccia, — tolleme lo parlare,
volere ed operare, — perdo tutto sentore.
Sappi parlare, ora so fatto muto;
vedea, 1110 so cieco deventato;
si grande abisso non fo mai veduto:
tacendo parlo, fugo e so legato,
scendendo salgo, tengo e so tenuto,
de fuor so dentro, caccio e so cacciato;
amor esmesurato, — perché me fai empazire,
146 en fornace morire — de si forte calore?
Ordena questo amore, tu che m’ami:
non è virtute senza ordene trovata;
poiché trovare tanto tu m’abrami
ca mente con virtute è renovata,
a me amare voglio che tu chiami
la caritate, qual sia ordenata:
arbore si è provata — per l’ordene del frutto,
154 el quale demostra tutto — de onne cosa el valore. —
— Tutte le cose qual aggio ordenate,
si so fatte con numero e mesura,
ed al lor fine son tutte ordenate,
conservanse per orden tal valura:
e molto piú ancora caritate
si è ordenata nella sua natura.
Donqua co per calura, — alma, tu se’empazita?
162 for d’orden tu se’ uscita, — non t’è freno el fervore. —
— Cristo, che lo core si m’hai furato,
dici che ad amor ordini la mente,
come da poi ch’ en te si so mutato,
de me remasta, fusse convenente?
Si com’è ferro ch’è tutto enfocato,
aurora da sole fatta relucente,
de lor forma perdente — son per altra figura:
cusi la mente pura — de te è vestita, amore.
Ma, da che perde la sua qualitate,
170 non può la cosa da sé operare;