Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/217


sopr’onne altura è si grande acquisto
de Cristo e tutto lo suo star regina:
or donqua co potesse star piú tristo,
de colpa demandando medicina?
nulla c’è piú sentina — dove trovi peccato:
106lo vecchio ni’è mozato, — purgato onne fetore.
En Cristo è nata nova creatura,
spogliato lo vechio, om fatto novello;
ma tanto l’amor monta con ardura,
lo cor par che se fenda con coltello;
mente con senno tolle tal calura,
Cristo me tra’tutto, tanto è bello!
Abracciome con elio — e per amor si chiamo:
114 — Amor, cui tanto bramo, — famme morir d’amore!
Per te, amor, consumome languendo,
e vo stridendo per te abracciare;
quando te parti, si moio vivendo,
sospiro e piango per te retrovare;
e, retornando, el cor se va stendendo,
ch’en te se possa tutto trasformare;
donqua, piú non tardare: — amor, or me soviene,
122ligato si me tiene, — consumarne lo core!
Resguarda, dolce amor, la pena mia!
tanto calore non posso patire:
l’amor m’ha preso, non so do’ me sia,
que faccio o dico non posso sentire;
conio stordito si vo per la via,
spesso trangoscio per forte languire;
non so co sofferire — possa tal tormento,
130emperò non me sento, — ché m’ha secco lo core.
Cor m’è furato: non posso vedere
que deggia fare o que spesso faccia;
e, chi me vede, dice che voi sapere
amor senza atto se a te, Cristo, piaccia:
se non te piace, que posso valere?
de tal mesura la mente m’alaccia