Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/214


Como l’anima se lamenta con Dio
DE LA CARITÀ SUPERARDENTE IN LEI INFUSA
Amor de caritate, -- perché m’hai si ferito?
2 Lo cor tutt’ho partito, — ed arde per amore.
Arde ed incende, nullo trova loco:
non può fugir però ched è legato;
si se consuma corno cera a foco:
vivendo more, languisce stemperato;
demanda de poter fugire um poco,
ed en fornace tròvase locato.
Oimè, do’so menato? — a si forte languire?
io Vivendo si, è morire, — tanto monta l’ardora!
’Nante che el provasse, demandava
amare Cristo, credendo dolzura:
en pace de dolceza star pensava,
for d’ogni pena possedendo altura;
pruovo tormento qual non me cuitava,
che ’l cor se me fendesse per calura:
non posso dar figura — de que veggio sembianza,
18 ché moio en delettanza — e vivo senza core.
Aggio perduto el core e senno tutto,
voglia e piacere e tutto sentimento;
onne belleza me par loto brutto,
delize con riccheze perdimento:
un arbore d’amor con grande frutto,
en cor piantato, me dá pascimento,
che fe’ tal mutamento — en me senza demora,
26 gettando tutto fora, — voglia, senno e vigore.
Per comperar amor tutto aggio dato,
lo mondo e mene, tutto per baratto;