Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/204


LXXXVIII

Como in l’omo perfetto sono figurate le tre ierarchie
con li nove cori de angeli

L’omo che può la sua lengua domare,
grande me pare che agia signoria:
ché raro parlamento può l’om fare
che de peccar non agia alcuna via;
5 agiome pensato de parlare,
reprendomi, ché faccio gran follia:
ca senno en me non sento né affare
a far devere grande diceria;
ma lo volere sforza el ragionare,
io preso ha lo freno e tiello en sua balia.
Però me seria meglio lo tacere,
ma veggio ch’io non lo posso ben fare;
però parlo e dico el mio parere
ed a correzione ne voglio stare:
15 pregove tutti che vi sia en piacere
de volere lo mio ditto ascoltare,
e recurriamo a Dio en cui è ’l sapere
che l’asina de Balaam fece parlare,
ch’elio me dia alcuna cosa dire
20 che sia sua laude e a noi possa giovare.
Parerne che l’omo sia creato
a la imagine di Dio e semiglianza;
lo paradiso parerne ordinato
de nove orden d’angeli en ordenanza:
25 en tre ierarchie è el loro stato
de quella beatissima adunanza;
or facciamo che l’uomo sia en stato
che truove en sé quella concordanza: