Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/202


LXXXVII

De l’amor divino, la misura del quale è incognita

Amor che ami tanto, — ch’io non so dir lo quanto
del corno esinesurato!
La mesura se lamenta — del corno esmesurato:
sua ragion vole a distenta — parli l’amor tributato;
la smesuranza s’è levata, — messo ha el freno a la mesura,
6 non faccia sommergetura, — ché non seria piú comportato.
Lo sapor de sapienza — l’affetto si ha sotterrato;
lo lume de intelligenza — udite tratto c’ha pensato:
l’affetto si ha pigliato — ed hallo messo en pregione,
io sottomesso a la ragione, — loco l’ha terrafinato.
L’affetto, poi ch’è en pregione, — piange con gran desianza:
nullo consólo se voi dare — de la preterita offensanza
de chi gli ha tolta la speranza; — poi la comenza a biastemare,
14e non se voi consolare, — si sta en sé contaminato.
O amor contaminato, — tutto pieno de furore,
d’onne tempo hai mormorato: — ène entrato en possessore;
la iustizia ch’è assessore, — si t’ha preso a condennare,
18d’onne officio te privare, — ché non sai far bon iudicato.
La iustizia si è presa — da lo senno del sapere;
una ragion gli è commessa — che non degia preterire:
la scienzia far tacere — ed onne atto alienare,
22e le virtute esaltare; — se non, seria excomunicato.
O amor ch’èi tempestoso, — ch’en te non fai recetto,
ètte sottratto el prestato, — conquassato sta l’aspetto:
ma el desio del diletto — abracciato ha el disiare,
26con lo vile en sé vilare — non vederse en sé vilato.
O audito senza audito, — che en te non hai clamore,
entelletto senza viso, — hai anegato onne valore:
non hai en te possessore, — da altri non èi posseduto;
30onne atto si t’è renduto, — si sta l’amore affissato.