Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/199


Maggior fo mia stoltizia, — la grande alteza mia
de prender questa via — de farme om penato.
Io non te amai per mene, — ’nante te amai per tene:
32non me crebbe bene — del mio fatigato.
Per te non fui maggiore, — né senza te minore:
trasseme l’amore — che fusse reformato.
Se m’ami per aver gloria, — mercenaia hai memoria;
36attento stai a mia solia — pur del remunerato.
Non m’ami per amore, — ché ’l prezo te sta en core:
se ’l prezo ne trai fuore, — l’amor tuo è anichilato.
Se la tua utilicate — te trae ad amorositate,
40poco d’aversitate — te fa l’amor cagnato.
Se l’amore è libero, — che non sia avaro albitrio,
gentil fa desiderio — non condizionato.
Non c’è condizione — né messa per ragione:
44è fatta l’unione — che non veste vergato.
Da l’amativo amabile — esce l’amor mirabile:
l’amore è poi durabile — semper in idem stato.