Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/181


LXXVI

Del iubilo del core che esce in voce

^ O iubilo del core, — che 4 fai cantar d’amore!
Quando iubilo se scalda, — si fa l’uomo cantare;
e la lengua barbaglia^- e non sa que parlare/ ’
dentro non pò celare, — tanto è grande el dolzore!
Quando iubilo è acceso, — si fa Tomo clamare* /
lo cor d’amore è preso — che noi pò comportare:
stridendo el fa gridare, — e non vergogna’ allore?^
Quando iubilo ha preso — lo cor enamorato,
la gente l’ha en deriso," — pensando suo parlato^
parlando smesurato — de que sente calore;/1^’
O iubil, dolce gaudio, — ched entri ne la mente, /O /
lo cor deventa savio — celar suo convenenteX -
non può esser soffrente — che non faccia clamorev
/a
Chi non ha costumanza — te reputa empazito,,
vedendo svalianza — com omo ch’è desvanito/
dentro lo cor ferito — non se sente de fuore*’^’ j-6-