Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/174


LXXIII

Del gran prezo dato per vil derrata,
cioè Cristo per l’omo

O derrata, guarda al prezo, — se te vuoli enebriare:
ca lo prezo è ’nebriato — per lo tuo enamorare.
Lo tuo prezo è ’nebriato: — de cielo en terra è desciso;
piú che stolto reputato, — lo re de paradiso
5 a que comparar s’è miso — a si gran prezo voler dare?
Aguardate esto mercato, — che Dio patre ci ha envestito;
angeli, troni, principato — ostopiscon de l’audito:
lo Verbo de Dio infinito — darse a morte per me trare.
Ostupisce cielo e terra, — mare ed onne creatura:
per finir meco la guerra — Dio ha presa mia natura,
n la superbia mia d’altura — se vergogna d’abassare.
O ebrieza d’amore, — corno volesti venire
per salvar me peccatore? — Se’ te messo a lo morire:
non saccio altro ch’ensanire, — poiché m’hai voluto ensegnare.
Poiché lo saper de Dio — è empazato de l’amore,
que farai, o saper mio? — non voi gir po’ ’l tuo Signore?
17 Non pòi aver maiur onore — ch’en sua pazia conventare.
O celeste paradiso, — encoronato stai de spina,
ensanguinato, pisto, alliso — per darmete en medicina:
grave è stata mia malina — tanto costa el medicare.
Nullo membro ce par bello — stare so ’l capo spinato,
che non senta lo flagello — de lo capo tormentato:
23 vegio lo mio Sire empicato, — ed io volerme consolare.
O Signor mio, tu stai nudo — ed io abondo nel vestire;
non par bello questo ludo: — io satollo e tu en famire,
tu vergogna sofferire: — ed io onore aspettare.
Signor povero e mendico — per me molto affatigato,
ed io, peccator iniquo, — ricco, grasso e reposato:
29 non par bello esto vergato, — io en reposo e tu en penare.