Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/165


Demorando enfra la gente, — al nono ramo pusi mente;
32disseme: — Tu fai niente: — cominciai a meditare.
Chi en tal stato è appianato, — dagli troni è acompagnato,
ché la fede l’ha ben guidato: — sopra el ciel pò abitare.
Poi ch’a pensar me misi, — tutto quanto stupefisi,
36e me medesmo reprisi — e vòlsi il corpo tralipare.
Allora conobbi me dolente, — ch’io me tenea si potente,
e non sapea che fusse niente, — pur al corpo facea fare.
Poi guardai l’arbor vermiglio, — ch’alia speranza l’assi-
[miglio:
40nolla guarda, en mio consiglio, — nul om ch’en terra ha stare.
Enverso l’arbor levai el viso; — disseme con chiaro riso:
— O tu, omo, ove se’miso? — molto è forte l’apianare. —
Io resposi con tremore: — Non pos altro che ’l mio core,
44esforzato d’uno amore, — el suo Signor voi trovare. —
Respondendo, disse: — Or viene: — ma emprima lassa
[onne bene,
e poi deventa en te crudene — e non t’enganni la pietade. —
Ma en tal ramo facea ’l fiore — ch’ai secondo me mandòne,
48e lá trovai pomo d’amore — e cominciai a lacrimare.
Poi nel terzo piú sentenno, — a Dio domandai lo ’nferno:
lui amando e me perdenno — dolce m’era onne male.
Chi en tal stato monta sune — è con le dominazione:
52al demonio porta amore — e grande prende securtade.
Nello quarto fui poi levato: — el mio entelletto fu scurato,
dal Nemico fui pigliato, — non sapea que me fare.
Non potea el quinto patire; — per dolore andai a dormire:
en fantasia fo ’l mio vedire — el diavolo a sommare. c6
Nel sesto perdei el sonno, — tenebroso vidde el monno:
furome nemici entorno, — vòlserme far desperare.
La memoria m’aiutòne — e de Dio me recordòne:
60lo mio cor se confortòne — e la croce volli abracciare.
Chi la croce striglie bene, — Iesú Cristo li soviene,
poi lo principato tiene — ne la gloria eternale.
Fui nel settimo approbato, — e doppio lume me fo dato:
64fo el Nemico tralipato, — non potendome engannare.