Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/159


LXVII

Como l’anema se lamenta de l’amore divino partito

— Amor, diletto amore, — perché m’hai lassato, amore?
Amor, di’ la cagione — de lo tuo partimento,
che m’hai lassata afflitta — en gran dubitamento;
se da schifeza èi vento, — vogliote satisfare:
5s’io me voglio tornare, — non te ne torne amore?
Amor, perché me désti — nel cor tanta dolceza,
da poi che l’hai privato — de tanta alegreza?
non chiamo gentileza — om che dá ed artoglie;
9s’io ne parlo co folle, — io me n’ho anvito, amore.
Amor, tua compagnia — tosto si m’è falluta,
non saccio do’ me sia, — facendo la partuta:
la mente mia smarruta — va chedendo’l dolzore,
13che gli è furato ad ore — che non se nn’è adato, amore.
Amore, om che fura — ad altri gran tesoro,
la corte si lo piglia, — fagli far lo ristoro:

denante a la corte ploro che me. faccia ragione
17de te, grande furone, • — che m’hai sottratto, amore.
Amor, lo mercatante, — ch’è molto pregiato,
e nascoso fa’l sottratto — a chi li s’è tutto dato,
da poi che è spalato, — perde la nomenanza:
21onon ha dubitanza — de crédergliese, amore.
Amor, li mercatanti — c’ han fatta compagnia,
e l’un fa li sottratti, — non li se par chi sia;
tutta moneta ria — lassa nello taschetto:
25la bona se 1l’ha scelto, — si la rapisce, amore.
Amor, om c’ ha mercato — e véndolo volentire,
vedendo quel che brama, — deve da lui fugire?
Non lo deveria dire: — Io vogl vender mercato? —
29Ed en cor tien celato — chè nogl voi dar, amore.