Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/137


LIX

De la santa povertá signora de tutto

Povertade enamorata, — grand’è la tua signoria.
Mia è Francia ed Inghilterra, — enfra mar agio gran terra:
nulla me se move guerra, — si la tengo en mia balia.
Mia è la terra de Sassogna, — mia è la terra de Guascogna,
5mia è la terra de Borgogna — con tutta la Normandia.
Mio è ’l renno Teotonicoro, — mio è ’l renno Boemioro,
Ibernia e Dacioro, — Scozia e Fresonia.
Mia è la terra de Toscana, — mia è la valle spoletana,
9mia è la Marca anconetana — con tutta la Schiavonia.
Mia è la terra cicigliana, — Calabria e Puglia piana,
Campagna e terra romana — con tutto ’l pian de Lombardia.
Mia è Sardenna e renno Cipri, — Corseca e quel de Creti,
13de lá del mar gente infiniti — che non saccio lá’ve stia.
Medi, persi ed elamiti, — iacomini e nestoriti,
giurgiani, etiopiti, — India e Barbarla.
Le terre ho dato a lavoranno, — a li vassalli a coltivanno:
17gli frutti dono en anno en anno, — tant’è la mia cortesia.
Terra, erbe con lor colori, — arbori e frutti con sapori,
bestie, miei servitori, — tutte en mia befolcaria.
Acque, fiumi, lachi e mare, — pescetegli e lor notare,
21aere, venti, ucel volare, tutti me fonno giollaria.
Luna, sole, cielo e stelle — fra miei tesor non son covelle:
de sopra cielo si ston quille — che tengon la mia melodia.
Poi che Dio ha!1 mio velie, — possessor d’onnecovelle,
25le mie ale on tante penne — de terra en cielo non ni’è via.
Poi el mio volerá Dio è dato, — possessor so d’onne stato:
en lor amor so trasformato, — ennamorata cortesia.