Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/134


LVIII

Epistola tkrzja al prefato papa da poi ch’el fo preso

O papa Bonifazio, — molt’hai iocato al mondo:
penso che giocondo — non te porrai partire.
E1 mondo non ha usato — lassar li suoi serventi
che a la sceverita — se partano gaudenti;
non fará legge nova — de fartene esente,
6 che non te dia i presente — che dona al suo servire.
Ben me lo pensava — che fusse satollato
d’esto tnalvascio ioco — ch’ai mondo hai conversato;
ma, poi che tu salisti — en officio papato,
io non s’aconfé a lo stato — essere en tal desire.
Vizio enveterato — convèrtese en natura:
de congregar le cose — grande hai avuta cura;
or non ce basta el licito — a la tua fame dura:
14 messo t’èi a robbatura — conio ascaran rapire.
Pare che la vergogna — derieto aggi gettata;
l’alma e ’l corpo hai posto — ad levar tua casata:
omo ch’en rena mobile — fa grande edificata,
18 subito è ruinata — e non gli può fallire.
Como la salamandra — se renuova nel fuoco,
cusi par che gli scandali — te sian solazo e giuoco;
de l’anime redente — par che te curi puoco:
22 ove t’aconci el luoco, — saperálo al partire.
Se alcuno vescovello — può niente pagare,
mettegli lo flagello — che lo vogli degradare;
poi lo mandi al camorlengo — che se degia accordare,
26 e tanto porria dare — che ’l lasserai redire.
Quando nella contrata — t’aiace alcun castello,
’n estante metti screzio — entra frate e fratello;
a l’un getti el brazo en collo, — a l’altro mostre ’l coltello:
30 se non assente al tuo appello, — menaccel de ferire.