Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/110


XLV

Como dio appare ne l’anima en cinque modi

En cinque modi appareme — lo Signor en está vita
altissima salita — chi nel quinto è entrato.
Lo primo modo chiamolo — stato timoroso,
lo secondo parerne — amor medecaroso,
lo terzo amore parerne — viatico amoroso,
6 lo quarto è paternoso, — lo quinto è desponsato.
Nel primo modo appareme — nell’alma Dio signore
da morte suscitandola — per lo suo gran valore,
fuga la demonia — che me tenean ’n errore;
io contrizion de cuore — l’amor ci ha visitato.
Poi vien corno medico — ne l’alma suscitata:
confortala ed aiutala, — ché sta si vulnerata;
le sacramenta ponece — che l’hanno resanata,
14 ché l’ha cusi curata — lo medico ammirato.
Como compagno nobile — lo mio amor apparato,
de trarrne de miseria — donarme lo suo aiuto,
per le virtute menarne — en celestial saluto:
18 non degio star co muto, — tanto bene occultato.
Lo quarto modo appareme — corno benigno paté,
cibandome de donora — de la sua iargitate;
da poi che l’alma gusta — la sua amorositate,
22 sente la redetate — de lo suo paternato. >
Lo quinto amore menarne — ad esser desponsata,
al suo Figliol dolcissimo — essere copulata:
regina se’degli angeli, — per grazia menata,
26 en Cristo trasformata — en mirabel unitato.